• Bosnia:

    Orti in famiglia. Educare all'agricoltura per incentivare l'autosussistenza nelle campagne.

    Leggi
  • Italia:

    Dopo il Terremoto. La rinascita di Norcia. Due progetti in collaborazione con la Caritas di Spoleto-Norcia

    Leggi
  • Moldavia:

    Esperienza di Volontariato all'Estero. Sei ragazzi Villesi in partenza il prossimo Agosto.

    Leggi

La nostra Storia

Nell’ottobre 1991, un gruppo di persone di Villa di Serio, decise di compiere un viaggio a carattere umanitario con destinazione la lontana Ucraina e la Polonia. Un’esperienza unica, pur con le inevitabili difficoltà incontrate, verso l’Europa dell’est dove, a due anni dalla caduta del muro di Berlino, era ancora in atto il travagliato e doloroso passaggio verso la democrazia e verso forme di mercato nuove.
La difficile situazione sociale ed economica che si poté verificare durante il viaggio, il notevole sostegno avuto dalla comunità villese intera e la grande ricchezza umana che ognuno  riportò a casa, convinse tutti della necessità di dare continuità all’esperienza avviata.

Si decise quindi di fondare una nuova associazione denominata Solidarietà 91, avente l’obiettivo di aprire una collaborazione con le giovani democrazie  nazionali dell’est europeo da poco uscite dal blocco sovietico, bisognose di aiuti di vario genere: oltre che di sviluppare una coscienza solidale e umanitaria nella nostra comunità. *Le prime esperienze di aiuto furono indirizzate ad alcune comunità della Polonia, nazione che  prima fra tutte, tramite il sindacato Solidarnosc, aveva avviato un profondo cambiamento  nell’est Europeo. Su furgoni venivano caricati generi di prima necessità, scarpe, prodotti per bambini e vestiario e consegnati alla Caritas di alcune città polacche quali Lodz e Danzica per i bisogni delle popolazioni locali. Un piccolo aiuto, in un mare di bisogno, che però contribuiva a creare una coscienza solidale verso i nostri fratelli cattolici impegnati in una sofferta transizione. La possibilità poi di conoscere sacerdoti polacchi aiutò a capire meglio la forza e la volontà del popolo polacco. Dopo l’esperienza polacca si  aprì  nel 1993 la stagione della Romania, una nazione che dopo la drammatica uscita di scena del dittatore Ceaucescu, si ritrovava in una situazione di estrema povertà con un industria bloccata e obsoleta, con una carenza di infrastrutture e un tenore di vita bassissimo. Fu con la comunità parrocchiale cattolica di Faraoani che si realizzarono importanti e significativi progetti. Fu questo il periodo delle grandi spedizioni di materiale umanitario con TIR fatti giungere dalla Romania.

Sempre a Faraoni, grazie a notevoli contributi inviati, si realizzarono una scuola materna, un forno per il pane e da ultimo  nell’anno 2000,con qualche difficoltà, la “Casa Noastra”: un centro ricreativo/educativo per la gioventù.
E’ poi del 2003 l’inaugurazione a Stufu, un piccolo e povero paese di una nuova struttura per accogliere i bambini della scuola il mattino e le attività della parrocchia nel pomeriggio.
Di pari passo, gli anni 1993/1994, visti i drammatici avvenimenti della vicina Ex Jugoslavia, imposero all’Associazione di indirizzare le attenzioni al dramma dei profughi conseguenti alle terribili violenze in corso. Solidarietà 1991 gestì le raccolte di aiuti umanitari a Villa di Serio in accordo con la Caritas e  la Croce Rossa Italiana. La risposta fu esemplare: si promossero quindi diverse raccolte di materiale consegnate direttamente dall’Associazione presso alcuni campi profughi della Croazia (Zara, Zagabria, Karlovac, Vukovar).
Nel maggio 2002 , durante un viaggio conoscitivo a Sarajevo, si avviò un progetto di aiuto alla ricostruzione di un monastero di clausura carmelitano, raso al suolo durante i terribili mesi dell’assedio alla capitale Bosniaca.
Durante lo stesso viaggio a Tuzla si incontrarono i responsabili di Tuzlanska Amica, un associazione locale a sostegno dei bambini bosniaci. Dall’incontro nacque la volontà di aderire al progetto di adozioni a distanza di bambini bosniaci atto a garantire un pur minimo sostegno mensile indirizzato in particolare all’istruzione.
Del 2005 il progetto “Coloriamo un Sogno”, iniziativa a favore dei bambini della Bosnia. Grazie al sostegno dell’amministrazione comunale, della Parrocchia e di molti gruppi e cittadini villesi si offrì la possibilità di una vacanza nella nostra comunità a un gruppo di 45 minori.

A partire dal 2005 l’Associazione si iscrisse al registro provinciale delle organizzazioni di volontariato e assunse la nuova denominazione “Associazione Solidarietà 1991 onlus”. Una nuova organizzazione necessaria per meglio rispondere alla esigenze di trasparenza, serietà  e credibilità anche nel campo delle solidarietà. Arrivando agli anni più recenti, le attenzioni dell’Associazione si ampliano a due nuove realtà: a San Pietroburgo si sostiene l’opera di Fra Stefano impegnato in una encomiabile opera a favore dei bambini di strada e con seri problemi mentali.

In Moldavia dal 2009 si è vicini a Don Daniele , parroco di Grigorauca, che con tanto amore aiuta la sua piccola comunità nella crescita sociale, religiosa e morale in una nazione considerata oggi la più povera d’Europa

I nostri progetti?

Volete informavi su quali progetti stiamo indirizzando i nostri sforzi?
Scegli qui:

Progetti in Bosnia

Progetto Moldavia

Progetto Russia

Novità ed Eventi

Guarda le nostre novità riguardo i nostri progetti nell'Est europeo

Vai al Blog Solidarietà1991

Gallery

Guarda la gallery, sempre aggiornata! Puoi vedere dove operiamo e l'avanzamento dei progetti in corso!

Gallery

Non ti sei Registrato?

Per essere sempre informato sulle nostre iniziative e ricevere aggiornamenti!

Registrati

Se sei già un Utente registrato puoi accedere al sito facendo l'accesso

Accedi

Sostienici!

Tutto può esistere se ognuno di noi si impegna nel suo piccolo ad offrire qualcosa: un contributo economico, volontariato, promozione.
Scopri come puoi aiutarci ad aiutare!!

Guarda

Copyright 2017 by Solidarieta1991 Riservatezza Termini di utilizzo Credit Registrazione